rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
buone azioni / San Vito al Tagliamento

Il grande cuore de "La partita da vincere": 28mila euro per i giovani pazienti oncologici

Donaziona al Cro e all'Assitenza domiciliare pediatrica

L’associazione sanvitese “La Partita da Vincere” durante l’evento sportivo benefico svoltosi lo scorso maggio ha raccolto ben 28.632 euro. Tale somma è stata ufficialmente consegnata, nella sala Consigliare del Comune di Pordenone, al dott. Maurizio Mascherin, direttore del reparto di Radioterapia e Area giovani del CRO di Aviano e al dott. Roberto Dall’Amico, direttore del Dipartimento Materno Infantile Pediatria e Neonatologia dell’ASFO. L’evento ha segnato un record di generosità, grazie al sostegno di alcuni ex giocatori del Pordenone Calcio, dei Vigili del Fuoco di Pordenone (presenti numerosi in sala), dell’artista poliedrica Charlotte M, di ex campioni di serie A e della nazionale italiana di calcio “La Mitica”, squadra costituita da coloro che sono guariti dalla Leucemia e che, con la loro presenza in campo, hanno perorato tale causa.
Il presidente dell’Associazione, Gianni Cimarosti, ha espresso profonda gratitudine per il sostegno ricevuto dall’Amministrazione comunale e, a cascata, da tutti i volontari e i sostenitori di tale iniziativa benefica. I fondi raccolti sono stati equamente divisi tra l’Assistenza Domiciliare Pediatrica di Pordenone e l’Area Giovani del Cro di Aviano. La cerimonia di consegna dei due grandi assegni cartonati si è svolta alla presenza del sindaco Alessandro Ciriani, dell’assessore allo sport Walter De Bortoli e del consigliere regionale Markus Maurmair ed è stato un momento di riconoscenza per tutti i sostenitori di questa iniziativa.
Sono numerose le manifestazioni benefiche che hanno luogo a Pordenone – afferma l’assessore De Bortoli -. Lo stadio Bottecchia ha ospitato questo nobile evento e il pubblico è stato numeroso, così come numerose sono state le realtà che hanno appoggiato la 9° edizione. A tutte loro va il mio ringraziamento».
Il primario di Pediatria, Roberto Dall’Amico, ha sottolineato l’importanza dell’assistenza domiciliare pediatrica. «La cosa fondamentale per un medico è farsi carico dei pazienti durante tutto il periodo di cura. Attualmente stiamo portando avanti un progetto di “umanizzazione” del reparto a favore dei bambini, ma quest’iniziativa risulta molto costosa. Ebbene, grazie alla sinergia provvidenziale tra più persone, parte di quel progetto sarà coperto con aiuti e interventi dedicati. Per questo tali iniziative sono importantissime per garantire le risorse necessarie a chi si occupa della salute delle persone».
Il dott. Maurizio Mascherin, direttore del reparto di Radioterapia e Area giovani del CRO sottolinea: «Al CRO la partita che giocano i nostri ragazzi è quella per sconfiggere la malattia. Per loro è fondamentale il supporto delle associazioni e di tutte le persone che stanno fuori e che fanno di tutto per non farli sentire soli e abbandonati».
Conclude il sindaco Ciriani: «È un onore ospitare una cerimonia tanto emozionante e coinvolgente, che celebra il coinvolgimento di tutti nel nome del volontariato. La rete che si è creata per mettere in moto questo evento è straordinaria e sono proprio iniziative come questa che fanno da antidoto in una società spesso cupa e incattivita. La cura è mettersi al servizio degli altri, mostrando dedizione e attenzione al prossimo».
Appuntamento quindi per la 10° edizione della “Partita da vincere” che si terrà il 27 maggio allo stadio di San Vito al Tagliamento.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il grande cuore de "La partita da vincere": 28mila euro per i giovani pazienti oncologici

PordenoneToday è in caricamento