rotate-mobile
Cronaca / Sesto al Reghena

Came: salta l'incontro con l'azienda, scatta lo sciopero di otto ore

L'azienda ha annunciato la chiusura dello stabilimento entro la fine dell'anno

Doveva tenersi oggi l'incontro tra l'azienda e i sindacati sulle sorti dei lavoratori di Sesto al Reghena. Un colloquio che è saltato e spostato al 18 ottobre provocando malumori all'interno dello stabilimento friulano. I dipendenti hanno così iniziato uno sciopero di otto ore davanti alla portineria chiedendo garanzie e una risposta chiara e netta da parte dell'impresa leader nel settore dell'automazione, che ha infatti deciso di trasferire la sede a Dosson di Casier, in provincia di Treviso.

La società ha assicurato che non ci saranno tagli per i 130 dipendenti. I posti dunque, non sono a rischio, ma i sindacati hanno aperto una trattativa con l'impresa per quanto riguarda il tema dei trasferimenti dato che non tutti sono disposti a spostarsi a Treviso. Il confronto infatti verte su vari aspetti, anche economici, su cui è necessario trovare un accordo. Soluzioni per chi deciderà di cambiare sede e per chi invece rifiuterà il trasferimento. Al momento tutto è rimasto inalterato non essendoci stata l'intesa tra le forze sindacali e i responsabili dell'azienda. Alla luce della scelta di Came di posticipare l'incontro, le associazioni sono subito scese in campo con una mobilitazione collettiva della durata di otto ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Came: salta l'incontro con l'azienda, scatta lo sciopero di otto ore

PordenoneToday è in caricamento