rotate-mobile
la promessa / Maniago

Maniago, «nel 2025 pronti ospedale e casa di comunità»

Come ha sottolineato l'assessore regionale Riccardi non saranno costruiti ex novo

A Maniago l'ospedale di comunità e la casa della comunità non verranno costruiti ex novo ma troveranno spazio all'interno dell'ex nosocomio cittadino. I
Il cantiere partirà a fine estate per concludersi dopo un anno di lavori.

Lo ha assicurato l'assessore regionale alla Salute del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi al termine di un vertice tenutosi in Municipio, al quale hanno
partecipato il sindaco Umberto Scarabello, l'assessore Christian Siega Vignut, il direttore generale di Asfo Giuseppe Toniutti e il consigliere regionale Andrea Carli. La riunione è servita per fare luce su alcune opere relative alla sanità cittadina e chiarire alcuni aspetti di programmazione futura.
«Dopo una attenta valutazione dei costi e dell'efficienza tecnica di una nuova struttura a Maniago, come previsto dal Piano nazionale di ripresa a resilienza (Pnrr) - ha spiegato l'assessore regionale alla Salute al termine dell'incontro - abbiamo deciso di procedere imboccando una strada che si è rivelata essere al tempo stesso più funzionale e maggiormente economica. In sostanza i due nuovi servizi previsti con il Pnrr troveranno sede nell'ex nosocomio, patrimonio di tutti i cittadini di questa comunità, edificio che adegueremo alle esigenze dell'ospedale di comunità e della casa di comunità. Per compiere questi lavori verranno spesi solo 5,5 milioni di euro; le economie resteranno però tutte a favore della Città di Maniago consentano di recuperare aree e spostare servizi del vecchio ospedale».

Questo cambio di rotta, secondo Riccardi permetterà comunque di rispettare i rigidi tempi previsti per le opere finanziabili con i fondi del Pnrr. Come chiarito dall'assessore e dal direttore generale di Asfo Toniutti, la progettazione delle modifiche da apportare all'ospedale sono già partite. «In questo momento gli elaborati tecnici si trovano già in fase avanzata, cosa questa che ci consentirebbe di cantierare i lavori dopo l'estate. Per la conclusione delle opere dovrebbe essere necessario non più di un anno, osservando quindi le ferree indicazioni del piano approvato dall'Italia per rilanciare l'economia dopo il Covid» Le indicazioni fornite dalla Regione sono state accolte positivamente dall'amministrazione comunale maniaghese che, per l'occasione, ha inoltre analizzato insieme all'assessore Riccardi una serie di altre problematiche nella Città del coltello quale, ad esempio, l'adeguamento antisismico del centro diurno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maniago, «nel 2025 pronti ospedale e casa di comunità»

PordenoneToday è in caricamento