rotate-mobile
SUI SOCIAL

Il professor Maggi sui compiti a casa e non solo: «I miei alunni apprezzano, anche quando metto loro le insufficienze»

In un post su Facebook le cose che fa fare ai suoi ragazzi e perchè

Non poteva mancare l'intervento del professor Maggi su un tema sempre presente che è tornato attuale in questi giorni. Alla mamma che ha postato su TikTok il video, diventato virale, del figlio che piange per i compiti, tuonando contro gli insegnanti e a tutti coloro che intervengono a vario titolo, spesso senza averlo, nel dibattito sulla scuola, risponde con una lista di ciò che fa fare alle sue studentesse e ai suoi studenti.

Nella sua lista di cosa fa fare ci sono:

1) studiare le poesie a memoria

2) fare tanta grammatica

3) scrivere in corsivo

4) studiare date e nomi

5) i compiti a casa

6) interrogare alla lavagna

7) emettere le insufficienze

8) leggere i romanzi, in particolare i classici

9) scrivere i temi

10) correggere gli errori

Andrea Maggi, professore di scuola media che tanti hanno imparato a conoscere per il suo ruolo di docente ne "Il Collegio" e ultimamente per la partecipazione al programma "Splendida Cornice" di Geppy Cucciari, ha aggiunto sette motivazioni, che riportiamo anche qui in questo elenco:

1) perché tutti abbiano l’opportunità di imparare

2) perché non possano mai dire: “A me questo nessuno l’ha mai spiegato”,

3) perché li stimo e li rispetto,

4) perché credo nelle loro capacità,

5) perché imparino che ce la possono fare tutti, anche chi oggi è ritenuto incapace,

6) per riuscire a guardarmi allo specchio ogni mattina senza avere la tentazione

«I miei alunni apprezzano, perché si sentono stimati e rispettati, anche quando metto loro le insufficienze. Se tutto questo non è vero, loro, i miei studenti, possono smentire qui sotto liberamente», conclude il suo post il professor Andrea Maggi.

Tantissimi i commenti, più di 2200 mi piace e centinaia di condivisioni, per un post che ha fatto il pieno di like, riaccendendo inevitabilmente anche il dibattito.

C'è ad esempio chi scrive: «È da una vita che si danno compiti e non è mai morto nessuno», «Tornerei a scuola solo per apprendere da Lei e tutto quello che per vari motivi non ho mai appreso», «Vien voglia proprio di studiare, Ministro dell'istruzione subito», ma anche chi è decisamente più critico e commenta così: «Va tutto bene prof. Ma i compiti a casa no. Oltre la scuola c'è la famiglia, lo sport, gli amici, la vita in generale, bisogna staccare! Lo studio deve essere fatto a scuola, non a casa. A casa si fanno altre attività. Le ore di scuola sono più che sufficienti, prendono oltre metà della giornata. "Altro" quando si dovrebbe fare? Rimane solo la notte».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il professor Maggi sui compiti a casa e non solo: «I miei alunni apprezzano, anche quando metto loro le insufficienze»

PordenoneToday è in caricamento