rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità

Crescono le donazioni a Pordenone, sfiorate le dieci mila richieste nel 2022

Il presidente Verardo: «Risultato eccellente, merito dei donatori e donatrici e delle sezioni»

Il 2022 per l’Associazione friulana donatori di sangue (Afds) è andato oltre ogni aspettativa. Un segnale positivo che ripaga ogni sforzo compiuto in questi mesi. La generosità in questo caso si vede dai numeri presentati dalla sede provinciale di Pordenone che ha chiuso l’anno che sta per terminare con un ottimo risultato sul fronte delle donazioni di sangue ed emoderivati.  Si parla infatti di 9.565 donazioni e 764 nuovi donatori, «un risultato eccellente visto che le donazioni a livello regionale e nazionale sono stabili, ma in calo rispetto al 2019», afferma il presidente Mauro Verardo.

Il dato ancora più importante per l'Afds Pordenone è la crescita di donazioni e di nuovi donatori che si sta verificando negli ultimi cinque anni. Un indicatore che che si rafforza ulteriormente vista l’accelerazione riscontrata negli ultimi due.

Le donazioni sono salite del 6% nel 2021 rispetto all'anno precedente e 7% nel 2022. «Il merito di questi importanti risultati - sottolinea Verardo - è della costante e laboriosa attività di promozione e chiamata alla donazione svolta dai presidenti, dai direttivi e dai volontari delle 39 sezioni che compongono l’associazione provinciale. Notevole impulso è stato dato dall’utilizzo dell’autoemoteca regionale nelle piazze, valli pordenonesi, aziende, caserme e scuole anche nei giorni festivi e prefestivi agevolando i donatori». Il ringraziamento più grande il presidente lo rivolge in ogni caso «alle tante donatrici e tanti donatori che con grande disponibilità e generosità soddisfano il fabbisogno di emocomponenti, recandosi presso i centri trasfusionali».

Dopo aver concluso un capitolo, l’associazione è pronta ad affrontarne un altro con gli stessi obiettivi tracciati in passato: «il consolidamento delle donazioni, la ricerca e la formazione di giovani volontari e l'incremento delle attività di sensibilizzazione al dono», conclude il presidente, augurando «un splendido 2023 magari iniziando l'anno con una buona azione, scegliendo di diventare donatore».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescono le donazioni a Pordenone, sfiorate le dieci mila richieste nel 2022

PordenoneToday è in caricamento