rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
La ricostruzione / Barcis

Giulia Cecchettin è stata colpita e uccisa a coltellate

Sul corpo ferite alla testa e al collo, oltre che a mani e braccia. Il ritrovamento è avvenuto grazie all'unità cinofila della Protezione civile

Dai primi accertamenti sul corpo di Giulia Cecchettin risulta che 22enne sia stata aggredita e accoltellata. Gli esperti hanno trovato delle ferite alla testa e al collo, oltre a delle lesioni alle mani e braccia: segno che avrebbe provato a difendersi. Sono queste infatti le ultime informazioni trapelate dall'ispezione preliminare compiuta dal medico legale Antonello Cirnelli, giunto nella zona tra Barcis e Piancavallo insieme al sostituto procuratore Andrea Del Missier. L'ex fidanzato Filippo Turetta è ora indagato per il reato di omicidio volontario aggravato. Di lui si sono perse le tracce dalla giornata di sabato.

E anche stavolta il bravo ragazzo era un mostro
 

Le dinamiche

Le ricerche nella zona del lago erano cominciate il 17 novembre per poi proseguire nella giornata di ieri, quando è stato trovato il corpo della ragazza nei pressi del lago, a pochi passi da Pian delle More. Secondo le ultime ricostruzioni degli inquirenti l'assassino, dopo essere uscito da Piancavallo ha gettato il corpo a bordo strada vicino a una curva per poi farla rotolare in una scarpata per circa 50 metri. 

Sarà in questo caso l'autopsia, disposta dai tribunali di Venezia e Pordenone, a stabilire la cause del decesso. Dalle riprese registrate dalla telecamere nella zona industriale di Fossò (Venezia) era infatti emersa una colluttazione che si è poi trasformata in un'aggressione violenta nei confronti della ragazza come dimostra la presenza di macchie di sangue e di capelli nella zona dove era stata colpita. Filippo Turetta l'avrebbe poi caricata in macchina esanime anche se resta da capire se la ragazza è stata uccisa nel veneziano o se è morta invece a Piancavallo, località che Filippo Turetta ha raggiunto con la Fiat Punto nera. 

Il ritrovamento

A ritrovare il corpo è stata una delle squadre delle unità cinofile della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia che hanno dato pieno supporto ai carabinieri. Erano quindici i gruppi che si sono diretti a Pian delle More a circa 1000 metri di altezza. Le ricerche sono proseguite dalle 7:30 del mattino del 18 novembre dopo che nella giornata di venerdì i vigili del fuoco hanno allestito un campo base nell'area di Barcis. L'obiettivo era di scandagliare l'intera area dopo che giovedì è giunta la segnalazione che la Punto è transitata nel Pordenonese nelle prime ore di domenica. Turetta, come è stato segnalato dal fotogramma del targa-system, è passato lungo la strada Piancavallo-Barcis è chiusa al traffico dal 15 novembre al 15 aprile. Da quell'informazione si sono concentrate le ricerche nell'area montana fino a quando, nelle prime ore del mattino, uno dei cani (Jagger, il flat coated retriever dell'unità cinofila che era di supporto alla Protezione civile) si è diretto lungo la scarpata come spiegano i volontari dell'Ana (Associazione nazionale alpini) Antonio Scarongella, sottoufficiale dell'Esercito di 42 anni e Andrea Miconi, il padrone del cane. 

Omicidio di Giulia Cecchettin, le immagini del luogo dove è stato trovato il corpo
 

Le ricerche

Ora gli inquirenti si concentrano sulle ricerche di Filippo Turetta, su cui pende un mandato d'arresto europeo. Da quanto si apprende il transito del veicolo è stato registrato nella zona di Belluno e al confine con l'Austria. La Grande Punto è stata segnalata nei pressi di Lienz, nella giornata di domenica, ma non ci sono conferme che il veicolo sia tornato in Italia. 

Giulia Cecchettin trovata morta a Barcis, l'appello del Pm a Filippo Turetta: «Costituisciti»
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulia Cecchettin è stata colpita e uccisa a coltellate

PordenoneToday è in caricamento