rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
innovazione / Pordenone Nord / Via Montereale

All'ospedale un nuovo macchinario curerà il glaucoma senza chirurgia

L'acquisto dell'Asfo permetterà di ridurre la pressione dell'occhio senza dover fare tagli

A partire da febbraio il reparto di oculistica dell’ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone grazie all’acquisto di un nuovo strumento potrà innovare la cura del glaucoma. 
Il trattamento innovativo definito “laser micropulsato Cyclo G6”è  in grado di ridurre la pressione dell’occhio, senza intervenire chirurgicamente.

 Una nuova terapia per il glaucoma, patologia che provoca un danno irreversibile del nervo ottico a causa di un aumento della pressione interna dell’occhio. Il glaucoma, spesso asintomatico, in Italia affligge più di 800 mila persone e viene generalmente trattato con dei colliri, che però non sempre funzionano.

«L’Oculistica di Pordenone – sottolinea il primario di Oculistica Flavio Foltran - punta ad aumentare numeri e qualità dei servizi offerti, attraverso tecnologia, aggiornamento ed innovazione; è in forte ascesa e nel 2022, oltre agli interventi per cataratta e maculopatia, sono stati eseguiti più di 700 interventi chirurgici complessi di vitreo-retina, glaucoma, cornea e oftalmoplastica, per un totale di circa 4000 interventi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale un nuovo macchinario curerà il glaucoma senza chirurgia

PordenoneToday è in caricamento